Briciole di pane

Prevenzione delle IST

Prevenzione delle IST

ingrandisci Riduci contrasto Nocontrasto play pause resume cancel

INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE

COSA SONO LE IST

Le Infezioni Sessualmente Trasmesse (IST) costituiscono un vasto gruppo di malattie infettive, molto diffuso in tutto il mondo, che causano gravi conseguenze - anche a distanza di tempo - a milioni di persone ogni anno

Chiamate un tempo malattie veneree e poi malattie sessualmente trasmesse, oggi vengono definite IST per mettere in evidenza il fatto che spesso la persona con un’infezione non mostra i segni di una malattia vera e propria ma presenta solo sintomi lievi o assenti!!

  • Le più frequenti IST causate da batteri sono:
        • Chlamydia
        • Gonorrea
        •  Sifilide
  • Le più frequenti IST causate da virus sono:
        • HIV
        • Herpes genitale (Herpes simplex virus di tipo 1 e 2)
        •  HPV Papillomavirus umano
        •  Epatiti A, B e C

MODALITA’ DI TRASMISSIONE

  • qualsiasi tipo di rapporto sessuale (vaginale, anale, orale)
  • tramite lo sperma, la secrezione pre-spermatica, le secrezioni vaginali
  • la saliva, o con il contatto diretto della pelle nella zona genitale, delle mucose genitali, anali e della bocca
  • inoltre, si possono trasmettere attraverso il sangue (ad esempio, contatto con ferite aperte e sanguinanti, scambio di siringhe, tatuaggi, piercing)
  • con il passaggio dalla madre al nascituro durante la gravidanza, il parto o l’allattamento
  • Non ci si contagia, invece, attraverso i colpi di tosse o gli starnuti e neppure sui mezzi pubblici, in ufficio o con i contatti sociali in generale. Inoltre, le IST non sono trasmesse dalle zanzare o da altri animali o dall’uso delle toilette

E’ IMPORTANTE RICORDARE CHE

  • Anche se si è già avuta una IST, ci si può contagiare di nuovo
  • In particolare, il rapporto anale è molto rischioso in quanto può provocare facilmente lesioni al retto e i microrganismi presenti possono penetrare più facilmente attraverso queste lesioni
  • La presenza di ulcere nella bocca o di gengive sanguinanti può aumentare il rischio di trasmissione delle IST
  • Subito dopo il contagio inizia il periodo di incubazione durante il quale, anche se non si hanno disturbi, si può trasmettere l’infezione. La durata dell’incubazione è diversa a seconda del tipo di infezione

SINTOMI E SEGNI COMUNI PIU’ FREQUENTI

  • perdite genitali dalla vagina, dal pene o dall’ano (che si possono osservare sugli indumenti intimi);
  • dolore nella parte bassa dell’addome;
  • presenza di prurito e/o di lesioni di qualunque tipo nella regione dei genitali, dell’ano o della bocca;
  • necessità di urinare frequentemente, alcune volte con dolore o bruciore;
  •  dolore e sanguinamento durante e/o dopo i rapporti sessuali

COSA FARE SE SI HA UNA IST

  • Se si ha il dubbio di essersi infettati, è importante fare dei test di laboratorio che, a seconda delle diverse IST, possono essere eseguiti sul sangue, su un tampone rettale o faringeo, su un campione di urina o di saliva; su un tampone cervicale o vaginale per la donna; su un tampone uretrale o sullo sperma per l’uomo
  • Talvolta, è sufficiente la visita del medico specialista che riconosce la malattia semplicemente osservando le lesioni presenti a livello genitale o in altre zone del corpo
  • La diagnosi precoce è fondamentale, sia per impostare rapidamente una terapia e quindi alleviare i sintomi, sia, soprattutto, per prevenire le possibili complicanze e per evitare la trasmissione ad altre persone

OFFERTA ATTIVA ASL NAPOLI 1 CENTRO

  1. TEST HIV
  2. SCREENING HCV
  3. VACCINAZIONE PER HAV, HBV E HPV


BROCHURE

 

1.DIAGNOSI PRECOCE DELLO STATO DI INFEZIONE DA HIV

La ASL Napoli 1 Centro garantisce, presso le proprie strutture/punti prelievo territoriali ed ospedalieri, l'esecuzione del test HIV in anonimato e gratuitamente a tutti coloro che, anche solo verbalmente, ne fanno richiesta.

Il test HIV è offerto attivamente, senza la richiesta del Medico di Medicina Generale:

  • a tutti coloro, anche adolescenti, che riferiscono comportamenti a rischio;
  • alle donne in gravidanza;
  • ai pazienti che presentano patologie infettive causate da agenti patogeni che hanno le stesse modalità di trasmissione dell'HIV o la cui comparsa può essere indice della presenza dell'infezione da HIV;
  • ai soggetti stranieri immigrati con permesso di soggiorno e richiedenti asilo;
  • alle persone straniere temporaneamente presenti nel territorio (cioè persone prive di permesso di soggiorno) alle stesse condizioni dei cittadini italiani (D. Lgs 25 luglio 1998, n.286).

Presso le strutture/punti prelievo territoriali ed ospedalieri il counselling post test sarà effettuato in presenza di uno psicologo.

 

Campagna informativa/divulgativa

È partita sul territorio aziendale la campagna informativa/divulgativa

"Adesso tocca a te" (clicca qui) 

per sensibilizzare i cittadini sulla necessità della diagnosi precoce dello stato di infezione da HIV.

DOVE  EFFETTUARE IL TEST

2.SCREENING HCV

Nell'ambito delle inziative di prevenzione promosse dalla Regione Campania, la ASL Napoli 1 Centro ha attivato lo screening HCV per i propri cittadini residenti, domiciliati o assistiti, che è rivolto:

  • ai nati tra il 1969 e il 1989, compresi gli STP (stranieri temporaneamente presenti)
  • ai soggetti che sono seguiti dai servizi pubblici per le dipendenze patologiche (SerD)
  • ai soggetti detenuti in carcere

      Non potranno invece richiedere il test gli utenti che:

  • abbiano già eradicato l’infezione
  • siano in cura presso un centro specialistico per HCV
  • abbiano già effettuato il test di screening nei 12 mesi precedenti


OBIETTIVO:


Rintracciare i soggetti con infezione da virus dell’epatite C (HCV) in quanto l’infezione acuta da HCV molto spesso è di lieve entità e non dà sintomi, ma può cronicizzare. Attualmente è la principale causa di cirrosi e tumore del fegato in Italia


MODALITA’ DI TRASMISSIONE:

 

  • utilizzo di sostanze stupefacenti per via endovenosa e scambio di siringhe
  • puntura accidentale con aghi contaminati con il sangue di una persona infetta
  • esecuzione di piercing e/o tatuaggi con strumenti non adeguatamente sterilizzati
  • scambio di oggetti per la cura personale (rasoi, forbici, spazzolini da denti e attrezzature per la manicure o pedicure, ecc.) che potrebbero venire a contatto con il sangue di una persona infetta
  • rapporti sessuali non protetti con persone infette

OFFERTA ATTIVA:


Il test HCV è un test capillare (I livello) offerto gratuitamente e senza impegnativa presso gli studi dei Medici di Medicina Generale e le Farmacie aderenti alla campagna di screening


Il test è:

  • gratuito
  • semplice
  • non doloroso
  • basteranno pochi secondi e una goccia di sangue…
  • …per conoscere in pochi minuti il risultato
  • rispetta la tua privacy


PDTA- PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO:


In caso di positività al test di I livello, sarà necessario sottoporsi al test per la ricerca dell’HCV-RNA (test di II livello), offerto sempre gratuitamente dall’ASL Napoli 1 Centro presso P.T. SS. ANNUNZIATA Laboratorio di Virologia sito in Via Egiziaca a Forcella, 18 (dal lunedi al venerdi dalle ore 8:00 alle ore 11:00)


Qualora il test di II livello confermasse tale positività l’utente verrà indirizzato dal Medico di Medicina Generale, con relativa impegnativa, presso uno dei Centri di diagnosi e cura dell’Asl Napoli 1 Centro (P.O. San Paolo e P.O. dei Pellegrini) dove avverrà la presa in carico con inquadramento clinico-terapeutico.


Affrettati a richiederlo, hai tempo fino al 31/12/2023!

 

ELENCO FARMACIE ADERENTI ALLA CAMPAGNA DI SCREENING HCV AL 30.06.2023

BROCHURE